« Torna agli articoli

RESOCONTO RAGAZZI

Ed eccoci a riepilogare i risultati dei cavalieri di categoria dopo
una serie di gare su pista iniziate ad aprile a Lodi e proseguite senza
tregua per tutti week-end successivi a Bovisio, Brugherio, Nova
Milanese, Cinisello e Brembate fuori provincia, e si certo non ce ne
perdiamo una. Seppure le gare su pista nella nostra provincia sono penalizzanti, per la grande massa di atleti iscritti che rendono le manifestazioni infinite, restano a mio parere le più motivanti ed aggreganti
per la possibilità di potersi esprimere non solo nella corsa ma anche
nei lanci ma soprattutto nelle discipline che personalmente più mi
appassionano come velocità e staffetta, ostacoli e salti. E’ arrivato
quindi il momento di fare una sintesi.

Luca Grossier “vive la France” sto già soffrendo il
distacco prima del momento, dato che pur essendo come un innocuo moscone
che ronza tra le orecchie, quasi “l’ho visto crescere” (da esordiente b
a secondo anno ragazzo) allo specchio di Gabriela sta proseguendo i successi sia nel salto in lungo 4.74 – che nel salto in alto 1.51 – che nei 60 ostacoli 9.92 e pure lui nelle distanze lunghe di velocità si distingue, entrambi, future promesse delle prove multiple, anche se sicuramente da migliorare, nei lanci in special modo

Matteo Brambilla dopo
qualche perplessità e un sofferto approccio competitivo dello scorso
anno, si è subito fatto spazio quest’anno non perdendosene una, anche se
mi risulta mancherà proprio nella più importante. A lui le doti
naturali di certo non mancano, indiscutibile velocista, 60 piani 8″40 ha
fatto spettacolo in tutte le staffette in cui ha sicuramente fatto la
differenza ma solo ora sta iniziando a crederci anche nei salti, la sua
naturale capacità d’impulso avrà risonanza…. per ora ha provato una sola
volta il salto in lungo 4.49 che
può migliorare di molto dato che lui ha già nelle gambe i passi in
volo, e pure quelli vengono più per “madre natura” che per una
insistenza nel saperli insegnare; nel vortex mt. 44.06 ma sicuramente ci riserverà altre sorprese negli ostacoli e nell’alto che per ora non sono ancora riuscita a fargli credere.

Alessandro Vergata una
sofferenza infinita per lui con l’approccio ad “assaggiare un po’ di
tutto”. A fatica l’anno scorso ci ha onorato della sua presenza
soprattutto nel mezzofondo, la disciplina in cui si è sempre distinto e a
Brembate si è di nuovo migliorato con un ottimo tempo nei 1000 mt piani 3’10. Quest’anno ha migliorato anche il suo stile di corsa e ha fatto registrare nei 60 mt. piani 8″84 che rimane tra i migliori tempi di società. Anche nei lanci non scherza lancio del vortex mt. 48,14 peso invece non l’ha mai provato ma mi sa che non sarebbe male.

Giorgio Lunghi fratellino
di Emanuele 2003 tra i migliori e mitici atleti dell’anno scorso,
annata che non dimenticherò; poco presente alle gare forse scoraggiato
da Bovisio, per un errore della giuria di pessimo gusto in cui hanno
fatto caos sulle corsie e gli è stato dato un falso tempo negli
ostacoli, si è rifatto quindi a Brembate dove con un pessimo credito è finito in una batteria non adeguata alle sue capacità, ha vinto con un sensibile distacco la sua batteria col tempo di 11″04.Anche nel vortex non scherza mt. 39,65

Leonardo Avetrani nuova
fiamma della nostra categoria, ridendo e scherzando sta crescendo pure
lui migliorando di volta in volta. Timoroso e tremante alla sua prima
gara a Brugherio, ha subito recuperato con un briciolo di determinazione
in più nelle successive ma nel salto in alto mi aspetto di più nelle prossime gare mt. 1.34 – anche nei 60 ostacoli è sul tempo di 11″1 ma può solo migliorare

Giorgio Lo Russo altro
timoroso cucciolo da incoraggiare e invogliare in pista ma credo che
ormai si sta quasi divertendo e sproni i genitori che ci stanno
prendendo gusto, bravo nella velocità ma soprattutto nei 1000 mt piani 3’23 seguito dal compagno di scuderia Gabriele Conforti 3’36 sempre presente non si scoraggia neppure con la grandine, sono entrambi al primo anno di categoria.

Finalmente si è “buttato nella mischia” anche Giovanni Motta sia nel lungo mt. 3,71 che negli ostacoli 11.73 due bei risultati che sicuramente avranno un seguito. La
squadra maschile più numerosa di quella femminile vanta anche risultati
in varie discipline da altri che sono di fondamentale importanza per
dei risultati di società Mattia Moroni nella velocità, insieme a Filippo Miotti e Francesco Girasa nei lanci sono tra i sempre presenti,

Jacopo,

Michael, e tutti quanti mi raccomando tutti in campo alle prossime, la

stagione non è per nulla finita, anzi….il bello deve ancora venire!!!

+Copia link